BRAND GENIUS, premiati i marketer più visionari
Posted by Gruppo Roncaglia | 27/10/2016

La premiazione dello storico ‘Brand Genius Award 2016’ promosso dalla rivista ADWeek e giunto alla sua 27esima edizione, si è appena svolta al Rockefeller Center di New York in una serata che ha premiato, come ogni anno, la capacità di visione, l’innovazione e la creatività nelle strategie di marketing e comunicazione a livello globale.

Se è vero che, come sostiene ADWeek,  almeno l’85% dei consumatori sostiene di sentirsi meglio dopo aver fatto shopping per se stessi o per i propri cari, il marketing costruisce le proprie strategie tattiche  innovative per rispondere ad una domanda sempre più crescente di brand ricchi di carattere, con contenuti ad hoc e capaci di creare engagement e senso di appartenenza con il proprio consumatore. Ed è proprio questa capacità di visione innovativa, di leadership creativa e di raggiungimento di risultati concreti nella valorizzazione del brand ad essere premiata dai 10 senior editor di ADWeek che selezionano ogni anno i migliori marketer in tutto il mondo, nelle 10 categorie individuate dal premio.

Nella Brand Genius Class  di quest’anno troviamo nella categoria Hospitality Jonathan Mildenhall, CMO di Airbnb, che ha di fatto contribuito a delineare i pilastri che caratterizzano la società community-driven di Airbnb: frizzante, in forte espansione e controcorrente. Con la campagna ‘Don’t go There. Live There’ si è valorizzato il concept chiave della società, essere turisti ma sentendosi a casa ovunque. Fanno parte della Class 2016 anche Bridget Russo, CMO del brand di accessori Shinola, nella categoria Lifestyle ha portato il consumatore all’interno della produzione stessa; Marisa Thalberg CMO di Taco Bell per la categoria Restaurants che ha creato insieme a calciatori famosi ‘Bigger than Futbol’ aggiudicandosi milioni e milioni di views durante il Super Bowl; Elizabeth Windram, Director of Brand Management & Advertising di JetBlue, nella categoria Travel. Steve Fund CMO di Intel nella categoria Technology; Meredith Herman, Digital Marketing Director Consumer di Flonase, nella categoria Pharmaceutical, ha sfruttato la notorietà della famiglia di influencer “Eh Bee”. Denise Karkos, CMO di TD Ameritrade nella categoria Financial Services ha puntato su trasparenza e affidabilità, attraverso la voce del quarterback più amato dell’Indianapolis Colts, Andrew Luck, Karkos.

Olivier Francois Chief Marketing Officer di Jeep ha puntato sul consumer storytelling attraverso  #MyJeepStory, cuore della campagna ‘Portraits’. Il claim evocativo We don’t make Jeeps, you do racconta il brand attraverso le storie delle persone,  volti noti e non, che hanno fatto di Jeep una vera istituzione americana oltre che un semplice brand. Strategia di consumer engagement attraverso lo storytelling anche per Jane Lauder Global Brand President di Clinique e premiata nella categoria Health & Beauty grazie alla campagna digital #FaceForward,  che sfrutta l’effetto aspirazionale del coinvolgimento di digital influencer. Infine tra i vincitori, nella categoria Toys, anche Lisa McKnight, SVP di Barbie che ha lavorato in modo creativo sulla reputazione del brand con la campagna ‘You Can Be anything’.

“Il Brand Genius Award valorizza la capacità delle aziende di essere creative nelle idee e innovative nelle azioni” – commenta Paolo Roncaglia, Amministratore di Roncaglia Digital Marketing – “cioè di essere parte essenziale del processo di creazione di una strategia di comunicazione efficace che abbia il carattere della ‘resonance’. Questo è il nostro obiettivo quotidiano, nella messa a punto dei progetti che sviluppiamo per i nostri clienti, ma è solo quando anche le aziende hanno capacità di visione che si toccano i livelli più alti in termini di risultati. Innovazione è, per noi,  anche saper valorizzare il rapporto tra cliente e agenzia in una comune visione.

Tornando agli Awards, il premiato più ‘famoso’ è Arnold Schwarzenegger, che si è aggiudicato il Brand Visionary Award 2016 per celebrare il valore di una carriera di successo e la capacità di reinventare se stesso, anche in modo creativo, che ha contribuito alla creazione di un vero e proprio ‘brand’ di fama mondiale.

Alcuni dei nostri clienti